omni custodia serva cor tuum quia ex ipso vita procedit
Proverbi, 4,23

Com’è difficile la custodia del cuore, distinguere le passioni che nutrono la nostra anima da quelle che nutrono il nostro ego, sapere qual è il punto in cui una parola, uno sguardo, una lamentela, sono di troppo, passano da ciò che è legittimo a ciò che ci avvelena. A volte sembriamo procedere per cadute, a ogni periodo di buone abitudini e buoni propositi segue un periodo di inadempienze, forse per ricordarci che non sappiamo fare nulla da soli e qualunque successo, qualunque cosa fatta bene, non farebbe altro che nutrire la nostra illusione di sussistere per noi stessi. Siamo invece servi inutili, e anche un po’ tonti. Eppure il cuore continua ad avere sete di Paradiso.

Negli anni ho appreso che il cuore si custodisce nel silenzio, nella preghiera, nella bellezza e nella liturgia. Con buone letture e buone conversazioni, cercando compagni di strada che ci indichino un punto in alto sopra di noi. Camminando nei boschi o in riva al mare, vicini alle persone che la vita ci ha affidato. Guardando le nuvole, il sole e le montagne. Senza scappare dalla fatica, dal dolore, dalla croce.

L’ho appreso e lo dimentico ogni volta, ritrovandomi in petto un cuore nero, calpestato, accartocciato. Che non può andare a fare neppure un breve giro a spasso da solo senza tornare a casa ricoperto di fango.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close